Thursday, December 14, 2017

Lo stato non paga i fornitori

IL CASO DI SERGIO BRAMINI DI MONZA



di Mauro Suttora

Oggi, 7 dicembre 2017

«Per non licenziare 32 dipendenti ho ipotecato la casa. La mia azienda è fallita, anche se ho 4 milioni di crediti con la pubblica amministrazione».
La Icom spa dell’imprenditore Sergio Bramini di Monza va bene, si aggiudica appalti importanti. Ma i pagamentinon arrivano, lui ipoteca la casa.

L’azienda fallisce, e ora è stato sfrattato: «Vivo con i miei figli e la mia nipotina. Ho pensato di suicidarmi. La Icom andava bene, ho vinto vari appalti nel Sud Italia, in Sicilia e a Napoli per l’emergenza rifiuti, ma i pagamenti non sono arrivati e le banche hanno interrotto le linee di credito».

Bramini avrebbe potuto chiudere l’azienda licenziando tutti i dipendenti, ma non lo ha fatto: «Ho pensato alle trentadue famiglie che dipendevano da me, e ho ipotecato la mia casa. Sono comunque fallito».
Il tribunale ha decretato il fallimento della Icom nel 2011, due anni prima dell’entrata in vigore della legge europea che obbliga lo stralcio di dissesti provocati dal mancato pagamento di enti pubblici. Bramini, quindi, non può usufruirne.

Nonostante le promesse, l'Italia è ancora maglia nera in Europa per i tempi di pagamento degli enti pubblici alle imprese fornitrici.  
Per questo la Ue ha riattivato la procedura d'infrazione, aperta nel 2013. Allora il premier Matteo Renzi fece approvare il decreto Sblocca debiti. 
Ma secondo l’Ance (Associazione nazionale costruttori edili) il 70% delle imprese di costruzioni registra ancora ritardi, che causano gravi ripercussioni: metà di esse hanno ridotto gli investimenti, e una su tre ha dovuto licenziare. Si arriva a ritardi di 168 giorni (più di cinque mesi), contro il limite di 60 giorni.

«La vicenda di Bramini non è la prima in Italia, e non sarà l’ultima se il governo non cambierà rotta», dice a Oggi Andrea Innocenti, consulente d’impresa.  «La procedura promessa da Renzi in tv era semplice: le aziende con crediti verso gli enti pubblici maturati entro il 2013 chiedevano la certificazione con garanzia dello stato. Poi andavano da una banca a farsi anticipare i soldi, e la banca a sua volta avrebbe ottenuto entro 180 giorni il pagamento, grazie a un fondo apposito».

Tutto semplice, quindi?
 
«No, perchè proprio lo stato ha iniziato a negare le nomine dei commissari ad acta per la certificazione, per esempio per le Ato, Autorità d’ambito territoriale ottimale, in Sicilia, sostenendo che non sarebbero enti pubblici, ma spa, società per azioni, private. Eppure sono enti istituiti per legge, che riscuotevano la tassa rifiuti».

Le ex Nettezze urbane.

«Sì. Ma ci sono voluti ricorsi in tribunale per ristabilire questa semplice verità. E nonostante le sentenze, i governi hanno continuato a non certificare. Anche nell’unico caso in cui lo hanno fatto, non hanno pagato la banca che ha anticipato i soldi all'azienda, circa 35 milioni. Hanno così creato un pregiudizio e una diffidenza di tutte le banche italiane, che a quel punto hanno negato alle aziende operazioni simili».

Perché?
 
«Un commissario ha ammesso in privato, con me, di non avere certificato dei crediti per "imposizioni informali del ministero dell’Economia"».

A quanto ammontano i crediti pubblici non pagati?

«La Sicilia da sola ha accumulato debiti per almeno due miliardi di euro, non inseriti nei bilanci dello stato. Mi sembra insomma che il governo stia “nascondendo” molti debiti alla Ue. Intanto le aziende falliscono, e vari imprenditori si suicidano».
Mauro Suttora


Thursday, December 07, 2017

Il recordman dei trapiantati di cuore in Europa è italiano



50 ANNI DOPO IL PRIMO TRAPIANTO DI BARNARD IN SUD AFRICA

Il trapiantato più longevo d'Europa è italiano: Gian Mario Taricco, 32 anni con un cuore nuovo. E il cardiochirurgo che lo ha salvato ha effettuato più di mille interventi dopo il suo

di Mauro Suttora

Oggi, 30 novembre 2017

Alle cinque di domenica 17 novembre 1985 il professor Mario Viganò di Pavia stava guardando la partita di pallacanestro Annabella-Forlì.
Arriva una telefonata: il cuore di un ragazzino di 14 anni, Andrea Orlandi, morto in un incidente, è disponibile per l’espianto a Legnano (Milano). Il professore, cardiochirurgo di fama, perfezionato a Parigi, si mette in moto.

Alle due di notte, su due Alfette della polizia stradale, una squadra di medici pavesi arriva a Legnano per l’espianto. E di notte il cuore viene trapiantato su Gian Mario Taricco, 20 anni, studente al secondo anno di Legge a Torino.

Pochi giorni di vita

Taricco era malato di miocardite acuta. Senza un cuore nuovo sarebbe morto entro pochi giorni. Era tenuto in vita soltanto da dosi massicce di nitroprossiatosodico, per non fargli scoppiare il cuore.
Fino a una settimana prima i trapianti erano vietati, in Italia. Il padre di Gian Mario, preside a Dogliani (Cuneo), si era informato per farlo operare a Lione o a Montecarlo.

Improvvisamente il ministro della Sanità Costante Degan promulga una circolare che autorizza i trapianti di cuore. Il primo viene effettuato a Padova. A ruota, Pavia. E oggi Taricco è il più longevo trapiantato di cuore non solo in Italia, ma in tutta Europa. Il record mondiale ce l’ha un americano del Minnesota, operato nel 1983.

Taricco aveva due anni nel 1967, non può ricordare quel 3 dicembre in cui una notizia arrivata dal Sud Africa sconvolse il mondo: il chirurgo Christian Barnard aveva effettuato il primo trapianto di cuore all’ospedale Grote Schuur di Città del Capo. Battendo gli specialisti statunitensi in Texas e California, e lasciando di stucco anche il giovane Viganò, allora borsista assistente a Parigi: «Fu uno choc per tutti, noi sperimentavamo i trapianti di cuore sui cagnolini».

Ma ne valeva la pena?

Dopo l’entusiasmo iniziale, per tutti gli anni 70 ci furono polemiche sull’utilità dei trapianti: la sopravvivenza di chi riceveva un cuore nuovo era di pochi mesi o anni, e non giustificava la complessità degli interventi.
«La svolta avvenne nel 1980, con l’introduzione della ciclosporina che ha ridotto le crisi di rigetto», spiega a Oggi il professor Viganò. «Ci vollero dieci anni di esperimenti dopo la prima scoperta casuale dei funghi nel 1969».

Ancor oggi la vita di Taricco dipende dal farmaco immunosoppressore Tacrolimus: «Lo prendo ogni giorno, per il resto la mia esistenza scorre normale».

Controlli ogni 4 mesi

Laureato in legge, lavora in banca, ha sposato un’amica di sua sorella, ha due figli e un cane. È diventato amico dei genitori del ragazzo il cui cuore batte nel suo petto. E anche del professor Viganò, il suo salvatore. Che vede ogni 3-4 mesi, quando torna a Pavia per i controlli.

Due anni fa, però, riprecipita nel dramma: alla lunga, la terapia gli ha logorato i reni. I farmaci antirigetto hanno causato un’insufficienza renale cronica progressiva.Dopo un anno di dialisi, deve subire un secondo trapianto.
«Psicologicamente è stato peggio del primo: allora avevo vent’anni, la malattia era arrivata all’improvviso, io ero spensierato e incosciente. Questa volta invece è stata dura».

L’intervento, alle Molinette di Torino, è riuscito perfettamente. Dopo due settimane era già a casa, mentre 32 anni fa rimase in ospedale per mezzo anno. «E rischiò ancora la vita dopo l’operazione», ricorda il professor Viganò, «perché aveva sviluppato un’infezione».
Incredibile coincidenza: alla Molinette Taricco ha ritrovato il chirurgo Mauro Rinaldi, che era nell’équipe di Viganò a Pavia un terzo di secolo fa.

Interventi sicuri

Rispetto al 1985, quello dei trapianti è un altro mondo. Viganò, dopo quello su Taricco, ne ha effettuati più di mille a Pavia, anche con interventi doppi cuore-polmoni.

In Italia i trapianti l’anno scorso sono stati 3.736. Al primo posto i reni, oltre 2mila. Poi il fegato, 1.235, il cuore (267) e il polmone (154).
La durata media della vita dei trapiantati è di decine di anni. Per il cuore i centri più attivi sono Milano Niguarda, Pavia, Bologna e Padova.
Per soddisfare le liste d’attesa, però, ci vorrebbero 700 donatori di cuore all’anno in Italia, contro gli attuali 300.

«C’è sempre il problema della scarsità di donatori, soprattutto al sud», ci dice il professor Viganò. «E non è una questione religiosa, perché già vari decenni fa il cardinale Angelini, ministro della salute del Vaticano, definì le donazioni “una prosecuzione della creazione di Dio”».
E allora che cosa blocca i familiari dal concedere l’autorizzazione all’espianto? «Preoccupazioni scaramantiche».
I progressi della scienza, comunque, ora permettono di recuperare cuori un tempo considerati non trapiantabili.
Mauro Suttora


Wednesday, November 29, 2017

Che stangata per Veronica Lario



Clamorosa sentenza sul Cavaliere e la ex moglie
Svelati i documenti sul divorzio

CHE VITA SUPERLUSSO QUANDO ERA LA SIGNORA BERLUSCONI!

Ville, piscine, barche, viaggi in mezzo mondo e decine fra domestici e guardie del corpo. Miriam Bartolini aveva chiesto tanto e ottenuto alimenti da favola. Ora glieli hanno azzerati. E non solo: le tocca restituire le somme già incassate

di Mauro Suttora

Oggi, 23 novembre 2017

Adesso, per risparmiare, dovrà scegliere. L’attico e superattico al 18esimo piano del grattacielo Magnolia fra le Torri Bianche di Vimercate, quelle che si vedono dall’autostrada, o il palazzetto di via Bigli nel centro di Milano?

Miriam Raffaella Bartolini, alias Veronica Lario ex Berlusconi, si divide fra queste due case dopo aver dovuto lasciare la magione di Macherio da 78 milioni nel 2012: le centinaia di metri quadri in affitto di Vimercate, con vista sulle Prealpi e sui nuovi grattacieli di Milano, e l’altrettanto spazioso appartamento dietro via Montenapoleone, acquistato per 11 milioni, già set del film Happy Family (2010) del premio oscar Gabriele Salvatores. Vicini di casa: i Tronchetti Provera, i Moratti, l’ex moglie di Galliani, la Casaleggio & Associati srl.

Dopo la disastrosa sentenza che le ha azzerato gli alimenti, l’ex moglie di Silvio Berlusconi dovrà sicuramente rivedere quello che gli avvocati chiamano «il suo treno di vita».

Peggio di così, non poteva andare. E pensare che solo cinque anni fa la sentenza di separazione le aveva assegnato l’astronomica cifra di 3 milioni al mese. Ogni anno 36 milioni. Tanto che l’ex premier ci scherzò su: «Anche oggi la mia ex, quando si sveglierà, dovrà decidere come spendere i suoi 100 mila euro giornalieri».

È una vera rivoluzione per i divorziati italiani

Già due anni fa, però, la sentenza di divorzio le aveva dimezzato il sontuoso appannaggio. Ma neanche nei suoi peggiori sogni la povera Veronica avrebbe immaginato che alla fine la corte d’Appello di Milano non le avrebbe riconosciuto neppure un centesimo.

E non solo: le tocca pure restituire una sessantina dei milioni già ricevuti. Che si riducono a una quarantina perché il caro Silvio, sperando in un futuro sconto, aveva già iniziato da mesi a ridurre l’assegno.

La rivoluzione è scoppiata pochi mesi fa, quando la Cassazione ha deciso che l’ex ministro dell’Economia Vittorio Grilli non doveva più mantenere l’ex moglie, perché la signora era in grado di provvedere da sola. Basta con l’ex coniuge ricco che deve garantire all’altro lo stesso “treno di vita” goduto durante il matrimonio.



Patrimonio di Silvio: 7 miliardi di euro

Ora di questa svolta epocale approfitta Berlusconi, il quinto uomo più ricco d’Italia, 7 miliardi di patrimonio personale. Che non dovrà più garantire alcunché a Veronica, visto che lei può trarre sostentamento dal suo patrimonio accumulato durante il matrimonio: un centinaio di milioni.

E pensare che gli avvocati della Lario si erano dilungati fino alle minuzie per descrivere la sua vita da sposata, convinti che Berlusconi avrebbe dovuto garantirgliene una di pari livello. Prima della separazione Veronica risiedeva nella Villa Belvedere di Macherio dotata di piscina coperta e palestra, con 12 domestici (7 donne e 5 uomini: cuoco, cameriere, giardinieri, personal trainer, restauratori).

Si trasferiva nella Villa Certosa di Porto Rotondo per almeno 5 settimane all’anno, e altrettanto tempo trascorreva sullo yacht Morning Glory.
Alla signora piace molto viaggiare. Nei quattro anni prima della separazione si è recata a Galapagos, Polinesia, Figi, Nuova Zelanda, Cambogia, Laos, Thailandia, Brasile, Siria, Praga.
Andava più volte all’anno a New York, Londra, Parigi, Venezia, Roma, e in montagna nella villa di St.Moritz. E naturalmente, come precisano gli avvocati, «viaggia sempre nelle classi massime».

Berlusconi possiede non un aereo privato, ma un’intera società dotata di vari velivoli, la Alba Servizi. E Veronica ne è stata un’assidua cliente, sia sul Gulfstream 450 (viaggi intercontinentali) che sui tre Hawker e l’elicottero.
Erano ben 25 le guardie del corpo della signora, distribuiti su vari turni 24 ore su 24.
E la memoria specifica che il marito provvedeva a saldare i conti per gli acquisti di «abiti di noti stilisti», nonché per l’opera di estetiste, parrucchieri e personal trainer a domicilio.

Ora tutto è stato ridimensionato. Ma non troppo. Oltre alle due case dove abita a Milano e Vimercate, infatti, Veronica può contare su un palazzetto  a S-Chanf, accanto a St. Moritz, intestato alla madre.



Case a New York, Londra e in Sardegna

La sua società immobiliare Il Poggio incorpora residenze a Londra (valore: 3 milioni), New York (Park Avenue, 7 milioni), Porto Rotondo (600 mila euro), Bologna (117 mila euro).

I cespiti maggiori per il futuro reddito che l’ex signora Berlusconi dovrà a questo punto autoprodurre sono due interi palazzi di uffici a Milano 2 (il Canova, otto piani, valutato 33 milioni, piano terra affittato al supermercato Crai, e il Borromini), uno a Milano (12 milioni), e 55 posti auto a Segrate. Veronica inoltre avrebbe incassato 15 milioni vendendo Villa Minerva in Sardegna al miliardario russo Tariko Rustam.

Insomma, senza contare gli investimenti finanziari, la signora dovrebbe farcela a estrarre una rendita decente per vivere, visto che il totale degli  immobili a bilancio nella sua srl risulta di 46 milioni, ma probabilmente il valore commerciale reale è il doppio.
Mauro Suttora



Thursday, November 23, 2017

L'ultima bufala su Hitler



Desecretato un rapporto Cia del 1955: finta foto dalla Colombia

di Mauro Suttora

Oggi, 16 novembre 2017

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha fatto desecretare migliaia di documenti riservati della Cia (Central intelligence agency). Si aspettavano novità sensazionali sull’assassinio di John Kennedy. Ma la verità sull’omicidio di Dallas (22 novembre 1963) è probabilmente rimasta nei 500 «files» che Cia e Fbi hanno ottenuto di non divulgare ancora, in nome del «segreto di stato».

Però possiamo consolarci con un documento che riguarda un altro dei grandi misteri del ’900: la fine di Adolf Hitler. Non pochi, infatti, hanno sostenuto che il dittatore nazista sia riuscito a fuggire in Sud America nel 1945.

Siamo nel 1955. Il 29 settembre un agente col nome in codice Cimelody-3 viene contattato da un amico fidato che aveva lavorato sotto di lui in Europa. Cimelody non ne rivela il nome: scrive solo che risiede a Maracaibo (Venezuela).

Questa fonte racconta che nella seconda metà di settembre un certo Phillip Citroen, ex SS tedesco, gli ha detto che «Adolph [sic] Hitler è ancora vivo». Citroen lo avrebbe incontrato in Colombia, durante un viaggio di lavoro da Maracaibo come dipendente di una società olandese di trasporti marittimi. E si sarebbe anche fatto fotografare con lui, ma non gli mostra la foto.

Secondo Citroen Hitler lasciò la Colombia per l’Argentina nel gennaio del 1955. E non avrebbe più potuto essere processato come criminale di guerra, perché erano passati dieci anni dalla fine del conflitto.

«Sottrasse la foto»
Il 28 settembre l’amico di Cimelody riesce a sottrarre la foto di Citroen con Hitler. E il giorno dopo la mostra all’agente segreto statunitense. David Brixnor, capo della stazione Cia di Caracas, il 3 ottobre 1955 scrive nel suo rapporto alla sede centrale: «Naturalmente Cimelody-3 non è stato in grado di esprimere alcuna valutazione sulla possibile veridicità di questa storia fantastica. Tuttavia, ha preso in prestito la foto per farne delle copie, prima di restituirla al proprietario il giorno dopo».

Nella foto appare Citroen accanto allo pseudo-Hitler. Nel retro c’è scritto: «Adolf Schrittelmayor, Tunga, Colombia, 1954».
Che a Tunja nel dopoguerra si fossero rifugiati dei nazisti, è possibile. Ma che quell’ometto con i baffetti e i capelli ancora nerissimi potesse essere un 65enne Hitler, è assai improbabile. Infatti quel rapporto finì nella cantine della Cia, e fu riesumato nel 1963 solo per essere microfilmato e tornare nel giusto oblio. Soltanto uno stupido, infatti, avrebbe potuto conservare i baffi che lo identificavano immediatamente. E Hitler stupido non era.

Fantasie complottiste
Naturalmente sono stati decine gli avvistamenti del dittatore tedesco da parte dei più fantasiosi complottisti, fino agli anni 70. E c’era chi li prendeva sul serio. Per esempio Edgar Hoover, potente capo dell’Fbi  fino al 1972: faceva investigare a fondo su tutte le segnalazioni, provenienti soprattutto dal Sud America, dove in effetti trovarono rifugio diversi ex gerarchi nazisti. Anche il presidente Usa Dwight Eisenhower sospettava che il Führer fosse sopravvissuto.

Ma alla fine la verità più probabile è che Hitler sia veramente morto suicida nel suo bunker di Berlino il 30 aprile 1945, poche ore prima che arrivassero i soldati sovietici.
Stalin ordinò che i cadaveri del capo nazista e della sua Eva Braun fossero distrutti, per evitare che una eventuale tomba diventasse luogo di culto per i nostalgici. I sovietici diffusero la foto di un corpo prima che venisse bruciato. Ma pare che fosse quello di un sosia (che Hitler si teneva sempre vicino, per sviare gli attentati), perché i nazisti avevano già cremato il loro capo, come lui aveva ordinato.

Il cranio di una donna
I sovietici dicevano di aver conservato alcuni resti di Hitler. Lo scienziato statunitense Nick Bellantoni (Università del Connecticut) esaminò quei frammenti di teschio nel 2009: è risultato che appartenessero a una donna tra i 20 e i 40 anni. Il Führer ne aveva già 56 quand’è morto.
Mauro Suttora


Thursday, November 16, 2017

50 anni fa il primo trapianto di cuore di Barnard



di Mauro Suttora

Oggi, 9 novembre 2017

Durò soltanto 18 giorni il primo cuore trapiantato. Il 3 dicembre 1967 il chirurgo Christian Barnard dell’ospedale Groote Schuur di Città del Capo (Sudafrica) lo impiantò su Louis Washkansky, un droghiere ebreo di 55 anni che aveva combattuto in Italia nella Seconda guerra mondiale. La donatrice era una ragazza di 25 anni, Denise Darvall, morta in un incidente stradale.

Ma Barnard ritentò subito: il 2 gennaio 1968 eseguì un altro trapianto sul dentista Philip Bleiberg, che visse con il cuore nuovo per 19 mesi. Il donatore era un nero, nel Sudafrica dell’apartheid.
La svolta per i trapianti di cuore avvenne nel 1980 con l’avvento della ciclosporina, farmaco antirigetto.

Oggi vengono eseguiti circa 3.500 trapianti di cuore ogni anno nel mondo (2.000 negli Stati Uniti). La vita media dei trapiantati è 15 anni, con un record di 33. È diventato un intervento di routine: perfino in Sri Lanka è stato trapiantato il primo cuore nel luglio di quest’anno.
Il trapiantato più famoso è l’ex vicepresidente degli Usa Dick Cheney: ha un cuore nuovo dal 2004. Il regista Robert Altman è sopravvissuto 10 anni.

Il primo organo umano a essere trapiantato fu il rene, nel 1954. Joseph Murray, che lo realizzò a Boston, fu premiato col Nobel. Il primo trapianto di fegato risale anch’esso al 1967. Fra i trapiantati più noti c’è Steve Jobs, fondatore della Apple, che però è sopravvissuto solo due anni. Il musicista David Crosby invece vive da 23 anni con un fegato nuovo (operazione pagata dal collega Phil Collins).

Anche i trapianti di polmone sono diventati fattibili solo negli anni 80, dopo l’introduzione della ciclosporina.
L’organo meno trapiantato è l’intestino. La prima operazione risale al 1988, la massima sopravvivenza è di 18 anni.

In Italia il primo trapianto di cuore fu fatto il 14 novembre 1985 a Padova da Vincenzo Gallucci, sul 18enne Ilario Lazzari, che visse fino al 1992. Nel 2016 i trapianti di cuore in Italia sono stati 267. I numeri sono stazionari grazie al cuore artificiale e a terapie che rendono meno necessario il trapianto.

I trapianti in totale in Italia sono più di tremila all’anno. In stragrande maggioranza riguardano reni (2.000) e fegato (1.200).

Alessandro Nanni Costa, direttore del Centro nazionale trapianti (nella foto), dice: «Trapiantiamo il 70-75% dei pazienti in lista d’attesa. Per il fegato superiamo l’85%, il polmone è al 65%. Un paziente che entra in lista ha quindi molte probabilità di ricevere il trapianto». Niguarda (Milano) e Pavia sono i centri più attivi fra i 19 che fanno trapianti di cuore.
Mauro Suttora

Thursday, November 09, 2017

Chi ha tradito Anna Frank?



DOPO LO SCANDALO SUL DIARIO PIU' FAMOSO DEL MONDO

Una telefonata alla Gestapo di Amsterdam il 4 agosto 1944 denunciò la famiglia ebrea che da due anni si nascondeva nel retro della propria casa. Chi la fece? I sospettati sono ben sei. E la ricerca continua: l’ultima rivelazione è del 2015

di Mauro Suttora

Oggi, 26 ottobre 2017

Gli ultimi a saperlo sono i disgraziati che l’hanno ancora insultata, mettendole addosso la maglia della Roma e augurando ai romanisti di fare la sua fine.
Ma, a 72 anni dalla sua morte nel campo di concentramento tedesco di Bergen Belsen, c’è ancora un grande mistero che aleggia sulla vicenda di Anna Frank. Che, come tutti sanno, dal luglio 1942 era nascosta in una casa segreta assieme a tutta la sua famiglia, ad Amsterdam.

In Olanda si era infatti scatenata la caccia all’ebreo, e i nazisti ne rastrellarono oltre centomila, sui 130mila che vi abitavano all’inizio della Seconda guerra mondiale.

La famiglia Frank, composta dai genitori Edith e Otto e dalle sorelle Margot e Anna, era scappata da Francoforte, in Germania, già nel 1933. Avevano capito subito la vera natura del regime nazista che si era appena insediato a Berlino. E avevano scelto la tollerante e civile Olanda come luogo di esilio. Anche dopo l’inizio della guerra, nel 1939, nessuno pensava che Adolf Hitler volesse invaderla. Nel 1914 i tedeschi avevano attaccato la Francia passando per il Belgio. L’Olanda sembrava fuori da ogni mira espansionista dei tedeschi.

La «pacifista» Olanda invasa a sorpresa

Invece, nella primavera del 1940 la pacifista Olanda si ritrovò invasa. I nazisti non cominciarono subito ad arrestare gli ebrei. Ma nel 1942 fu presa la decisione della “soluzione finale”, che fu applicata anche ad Amsterdam.
La famiglia Frank si rifugiò in una «casa segreta» dietro alla sede della ditta di Otto, La porta per accedervi era nascosta dietro una libreria.

All’inizio speravano che dopo poche settimane o mesi avrebbero potuto uscire: a metà 1942 i nazisti avevano già cominciato a perdere, e l’entrata in guerra degli Stati Uniti prometteva bene per gli Alleati.

Anna non sopportava la mamma pessimista

Ma con l’andare del tempo, la prigionia si prolungava. E con essa anche le tensioni fra le due famiglie che condividevano gli angusti spazi del nascondiglio.

Il papà di Anna cancellò dal diario,  nella sua prima edizione, i riferimenti ai dissidi anche dentro la famiglia Frank. Anna infatti, come tutti gli adolescenti aveva un carattere ribelle e non sopportava né il pessimismo della madre, né la «stupidità» del suo compagno forzato di stanza, un dentista quarantenne.

Soltanto nel 1986 venne pubblicata la versione completa del diario. Questo permise ai neonazisti e negazionisti, come il francese Robert Faurisson, di mettere addirittura in dubbio l’autenticità del diario.

Ma il vero mistero che ancora resta sulla vicenda di Anna Frank è il nome di chi tradì lei e la sua famiglia. La mattina del 4 agosto 1944, infatti, una donna telefonò alla Gestapo di Amsterdam per denunciarli, indicando il loro indirizzo esatto.

Per decenni si è pensato che il responsabile fosse Willem Van Maaren, che lavorava in un deposito attaccato al nascondiglio, anche se un’inchiesta della polizia non ha mai trovato conferme.

Il socio del padre era un filonazista

Solo nel 1998 i sospetti si sono spostati su Lena Hartog-van-Bladeren (morta nel 1963), che aveva lavorato con i Frank come donna delle pulizie.

Nel 2003, altro colpo di scena: la storica Carol Anne Lee, nel libro La vita segreta di Otto Frank, ha puntato l’indice contro Anton Ahlers, morto tre anni prima a 83 anni, socio d’affari del padre di Anna e convinto sostenitore del nazismo.

La stessa Lee, però, ha poi ipotizzato che la spia fosse Marteen Kuiper, che viveva consegnando ebrei ai tedeschi in cambio di danaro.

Il quinto sospettato emerge nel 2009: un giornalista olandese ipotizzò che la traditrice potesse essere stata un’altra collaborazionista: Ans van Dijk, unica donna fra 39 giustiziati olandesi per reati commessi in tempo di guerra. Fece arrestare ben 145 ebrei, compreso suo fratello.

E arriviamo a due anni fa: salta fuori il nome di Petronella (Nelly) Voskuijl, morta nel 2001. Era la sorella di una fidata collaboratrice di Otto Frank, il quale fino alla propria morte nel 1980 le chiese conto dei suoi tremendi sospetti.

Insomma, un incredibile vortice di rivelazioni ha messo in luce un dato imbarazzante: in Olanda c’era un grande antisemitismo.
«Superiore a quello italiano», commenta con Oggi Giampiero Mughini, «e pari a quello francese: alla Gestapo di Parigi arrivarono ben cinque milioni di denunce contro gli ebrei».  

Solo nel 2015 la verità sulla data della morte

Sempre nel 2015, un’altra rivelazione: il museo di Amsterdam che ricorda Anna Frank ha affermato che la ragazza morì di tifo nel lager di Bergen Belsen circa un mese prima di quanto finora si riteneva: a febbraio del 1945 e non a marzo, assieme alla sorella Margot.

Ciò significa che assai difficilmente sarebbero entrambe riuscite a sopravvivere fino alla liberazione del campo da parte delle forze alleate, avvenuta il 15 aprile.

Il padre Otto, invece, si salvò perché fu separato dal resto della famiglia e spedito nel campo di Auschwitz. Che, trovandosi in Polonia, fu liberato già nel gennaio 1945 dalle truppe sovietiche. Magra consolazione per le vittime del più tremendo genocidio della storia. Che nessun tifoso della Lazio potrà usare neanche per scherzo nelle polemiche fra tifosi di calcio.
Mauro Suttora


Thursday, November 02, 2017

Il film di Sorrentino su Berlusconi



di Mauro Suttora

Porto Cervo (Olbia), 26 ottobre 2017

Il film che allarma Silvio Berlusconi è arrivato in Sardegna. Il regista Paolo Sorrentino nei giorni scorsi ha girato molte scene di Loro fra Porto Cervo, Porto Rotondo e Baja Sardinia, e sono entrate in campo le attrici che interpretano le sue donne: Elena Sofia Ricci per l’ex moglie Veronica Lario, Kasia Smutniak con un ruolo imprecisato (deputata, amante?).

Il set è blindato, quelle che pubblichiamo sono foto “rubate”. Tutti sono tenuti all’obbligo del silenzio. Quindi non si sa se, come qualcuno sussurra, il personaggio della Smutniak corrisponda a quello di Francesca Pascale, fidanzata di Berlusconi dal 2011.

In luglio, prima dell’inizio delle riprese, Sorrentino era stato invitato nella residenza romana dell’ex premier, in via del Plebiscito. La società berlusconiana Medusa ha prodotto alcuni film del regista. All’incontro erano presenti Gianni Letta e l’avvocato di Berlusconi, il deputato Niccolò Ghedini. Il capo di Forza Italia aveva offerto a Sorrentino di aprire le porte delle proprie case per le riprese: Arcore, palazzo Grazioli, la Certosa di Porto Rotondo.

Ma il premio Oscar ha declinato l’invito, e in Costa Smeralda ha preferito girare in una villa nel centro di Porto Cervo, in via Sa Conca, e in quella che appartenne a Shirley Bassey a Punta Volpe (Porto Rotondo).
Nelle scorse settimane aveva installato il set prima in un attico con vista sul viale dei Fori Imperiali (come quello del film 'La grande Bellezza', che gli è valso la statuetta di Hollywood), e poi a Orbetello e Porto Ercole (Grosseto).

Ora Berlusconi ha paura: «Ho sentito delle voci sul film. Mi dicono che potrebbe essere un’aggressione politica nei miei confronti. Spero siano voci infondate». L’ex premier teme che il film si concentri sugli anni 2006-11, quando si circondava di schiere di belle ragazze e dava scandalo con le “cene eleganti”. «Le veline che candida sono ciarpame senza pudore», lo accusò l’ex moglie Veronica nel 2009.

«È un film su chi lo ha usato per cambiar vita»

Ad avvalorare questo timore c’è la partecipazione al film di Riccardo Scamarcio, nel ruolo del procacciatore pugliese Gianpaolo Tarantini. E anche, come mostriamo nelle foto, di attrici molto appariscenti come l’albanese Beniada Jakic, che potrebbe interpretare una escort o la loro reclutatrice, Sabina Began.

Sorrentino così spiega alla Bbc il suo film: «Non è solo su Berlusconi, ma anche sulle persone che provavano a cambiare il corso della loro vita usandolo. Non sono interessato agli aspetti politici, ma all’uomo che sta dietro il politico». E aggiunge: «Il mondo ha un’idea di Berlusconi come persona semplice, ma studiandolo ho capito che è molto più complicato. Vorrei provare a descrivere questo personaggio complesso».

Non a caso il titolo del film sarà 'Loro'. Inteso come “loro”, l’entourage pittoresco che da sempre accompagna il magnate televisivo e capo di Forza Italia: dalle olgettine ai faccendieri, dai politici del suo partito agli ex avversari che diventano suoi alleati. Ma anche “l’oro” che chi conquista la prossimità di Berlusconi cerca di incassare.

Le riprese andranno avanti ancora per un mese, ed è probabile che il film venga presentato al festival di Cannes in maggio. Quindi dopo le elezioni che si terranno in Italia, quasi sicuramente a marzo. Così non si ripeteranno le polemiche che si scatenarono per Il Divo, il film che Sorrentino dedicò a Giulio Andreotti nove anni fa (sempre interpretato dal suo attore preferito, Toni Servillo), o per 'Il Caimano' del 2006 con cui Nanni Moretti prese di mira Berlusconi due settimane prima delle elezioni.



Lo stile sarà più visionario che biografico

Come in quasi tutti i film di Sorrentino, spicca il protagonista Toni Servillo. Che curiosamente appare in due versioni di Berlusconi: una con i capelli, e una con la pelata. Che l’ex premier in realtà non ha mai avuto.
Ma lo stile di Sorrentino è visionario. Il film non sarà una biografia fedele, anche perché sembra focalizzarsi proprio sul quinquennio dei “bunga bunga”, il periodo meno commendevole dell’ex premier. E sarà un affresco più sociale che politico.

Oltre alla Ricci, alla Smutniak e a Scamarcio, ci saranno un Gianni Letta interpretato da Roberto Herlitzka, la deputata animalista Michela Vittoria Brambilla (Anna Bonaiuto), Mike Bongiorno (Ugo Pagliai) e il fido cantante personale Mariano Apicella (Giovanni Esposito).



Sarà anche una storia d’amore (con Veronica)

Pare che alcune scene verranno girate anche sui luoghi del terremoto dell’Aquila (2009). Veronica Lario, rivelando di avere incontrato anche lei il cineasta napoletano, ha detto che il film sarà «una storia d’amore».
Insomma, l’interesse per la nuova opera di Sorrentino è già alle stelle. E in tutto il mondo. Forte della vittoria agli Oscar, infatti, il regista questa volta ha ottenuto un budget internazionale, che gli permette di non badare a spese.

Ma lui non rinuncia ai suoi attori preferiti di sempre. Dario Cantarelli, per esempio, presenza costante nei suoi film così come in quelli di Nanni Moretti (aveva recitato anche nel 'Caimano').

Questa volta Cantarelli, che interpretava l’assistente della pseudo madre Teresa di Calcutta ne 'La Grande Bellezza', appare in varie scene accanto alla Ricci-Veronica: le bocche sono cucite, ma dato il cranio rasato potrebbe essere un personaggio ispirato all’ex amministratore delegato del Milano Adriano Galliani, oppure al giornalista berlusconiano Augusto Minzolini, ex direttore del Tg1 e poi senatore di Forza Italia.

Ma sono tanti i misteri sul film che si dissolveranno soltanto a Cannes, quando Loro verrà presentato al pubblico. È noto infatti che Sorrentino gira molte più scene del dovuto, e quindi ne taglia parecchie in fase di montaggio.

Berlusconi starà fino all’ultimo sulle spine

Fino all’ultimo, quindi, Berlusconi dovrà stare sulle spine. Un’esperienza inedita per lui, abituato a frequentare il cinema dalla parte del produttore con le sue società: Medusa per i film e Mediaset per le fiction tv.

Questa volta, invece, le scelte di Sorrentino sfuggiranno totalmente al suo controllo. Ma l’esperienza del 'Divo', il film su Andreotti, indica che il premio Oscar non calca troppo la mano sulla polemica politica (come fece Nanni Moretti nel 'Caimano'), preferendo una trasfigurazione artistica.
Quanto alle soddisfazioni politiche, se ci saranno, l’81enne Berlusconi se le prenderà alle imminenti elezioni.
Mauro Suttora